cosa succede se assumo troppa vitamina c

Cosa accade quando la vitamina C è in eccesso?

Nel momento in cui ci si trova di fronte ad un eccesso di vitamina C, è possibile trovare nel soggetto la presenza di calcoli renali e un aumento del ferro in circolo all’interno del proprio organismo. Vediamo insieme quali sono le cause, i sintomi e il tipo di alimentazione da seguire per curare questa problematica.

I sintomi dell’eccesso di vitamina C

La dose giusta di vitamina C, ossia 100 mg, non deve essere superata in quanto è possibile trovarsi di fronte ad effetti indesiderati. Tra i sintomi di eccesso di vitamina C è possibile vedere come prima cosa un aumento della produzione di ossalati, che provoca così un aumento dei calcoli renali. Inoltre, maggiore è la quantità di vitamina C in circolo all’interno dell’organismo e maggiore risulta essere anche l’assorbimento intestinale del ferro. In questo modo si può andare incontro anche un altro rischio molto pericoloso, ossia quello che riguarda un’overdose del minerale stesso. Altri sintomi ed effetti indesiderati possono essere nausea, bruciori, mal di testa, mal di stomaco, diarrea, crampi addominali, gastrite e vomito. In altri casi più rari è possibile anche venire incontro a sintomi come vertigini, debolezza, stanchezza e vampate di calore. Dosi troppo alte di vitamina C possono anche interferire con l’assorbimento e il metabolismo della vitamina B12. Inoltre possono anche interagire con prodotti ed erbe dall’azione antibatterica, ormonale e anticoagulante.

 

Cosa provoca l’eccesso di vitamina C

Un eccesso di vitamina C può essere causato da un abuso di integratori oppure da una dieta sbilanciata. Altre cause possono essere collegate anche ad un funzionamento errato degli organismi che hanno il compito di assimilarla o assorbirla. Infatti, la maggior parte della vitamina C viene assorbita dalla membrana della mucosa della bocca, dello stomaco e anche della parte superiore dell’intestino tenue. Un corpo che risulta essere sano vede al suo interno circa 5000 mg di vitamina C. Di questa quantità è possibile trovarne 30 mg all’interno delle ghiandole surrenali è 70 mg all’interno dei fluidi extracellulari, mentre il resto viene distribuito in tutte le cellule del corpo. Vi sono alcune persone che, a causa di una predisposizione genetica, assumono delle quantità molto grandi di vitamina C causando così la formazione di calcoli renali. La soluzione in questo caso è quello di ridurre l’assunzione di questo componente.

 

L’alimentazione e l’eccesso di vitamina C

La dose consigliata di vitamina C quotidiana e circa di 90 mg per gli uomini e 75 mg per le donne. Per riuscire a eliminare l’eccesso di vitamina C la prima cosa da fare è quello di bilanciare la propria dieta, diminuendo il consumo di frutta e verdura al cui interno è possibile trovare una grande quantità di questa vitamina. La dose consigliata di vitamina C quotidiana è circa di 90 mg per gli uomini e 75 mg per le donne. Per riuscire a eliminare l’eccesso di vitamina C la prima cosa da fare è quello di regolare la propria dieta, diminuendo il consumo di frutta e verdura al cui interno è possibile trovare una grande quantità di questa vitamina. Tra gli alimenti più ricchi di vitamina C è possibile trovare: kiwi, peperoni, frutti rossi, cavolfiori e agrumi. Inoltre è molto importante preferire la cottura degli alimenti in modo tale da vedere ridotta la quantità di vitamina C e di bere molta acqua in modo da eliminare l’eccesso presente nel proprio organismo.

Se ti è piaciuto questo post condividilo :)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp